Conflitti autolesionisti

la-gestione-creativa-del-conflitto

Ovvero vizi e virtù del nostro essere italiani

In seguito al mio ultimo post sul Trial, ritengo utile sottolineare questo pensiero, sullessere italiani in modo tutto nostro, scritto da Federico Faggin uno dei padri fondatori del microchip e touchpad.

«In Italia mi sembra che manchi quel senso del bene comune, che vedo invece in Paesi che hanno avuto più successo e in base al quale, se uno realizza un aumento di valore, ne beneficiano tutti e non solo lui. Questa mancanza si traduce, in politica, in governi che non durano, non hanno una strategia o un piano di lunga durata, in modo da dare risultati. È un peccato perché gente brava ce n’è tanta in Italia. Capace, piena di intelligenza e voglia di fare. Viene frustrata da un ambiente che non dà opportunità, taglia le gambe… Questa rivalità si traduce a volte in una conflittualità autolesionista. Facendo un paradosso, la mentalità che sembra prevalere a volte in Italia è questa: “Sono disposto a perdere, pur di far perdere anche te”. Sembra assurdo… In una trattativa, uno può uscire vincitore e l’altro sconfitto, o viceversa. Ma si può anche ottenere entrambi qualcosa, da una negoziazione. Il modo peggiore di concludere invece è lose to lose: per non far vincere l’altro, si perde tutti e due.» Meditate gente, meditate…

Autore: Andrea Buschi

Coach in Motorsports Pilota e Tecnico di Alto Livello Trial, Dottore in Scienze Motorie e Sportive Allenatore di 4° Livello CONI Web Journalist

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.